Nature morte

 

Wrappings - Chromogenic print, 40x50cm


natura morta - Nell’arte figurativa, dipinti che hanno come soggetto fiori, frutta, pesci, cacciagione, o vari oggetti d’uso.

La natura morta è un genere artistico assolutamente tipico della mentalità europea tra Manierismo e Barocco, in cui il soggetto inanimato diventa protagonista autonomo della figurazione, senza alcun riferimento all'iconografia codificata religiosa o profana. La natura morta si configura nell’arte occidentale come genere pittorico autonomo dal 17° sec.; queste tematiche, però, ricorrono fin dai tempi più antichi nella pittura e nella scultura sia come figurazioni autonome sia in contesti narrativi: sono presenti nei rilievi e dipinti funerari egiziani e orientali e, in ambito ellenistico e romano, costituiscono generi specifici chiamati rhopographia (pittura di cose umili), rhyparographia (pittura di spazzature) e xenia (secondo Vitruvio, pitture in cui sono rappresentati i doni degli ospiti).  Nell’arte bizantina e medievale occidentale episodi biblici e storie di santi offrono occasioni per raffigurare stoviglie e vivande sulle tavole (Ospitalità di Abramo, Nozze di Cana, Ultima cena) o gli strumenti per la scrittura e libri (ritratti degli Evangelisti, dei Padri della chiesa ecc.). 

Veri e propri trompe-l’oeil sono dipinti nel 14° sec. da artisti come Taddeo Gaddi (nicchie con oggetti liturgici nella cappella Baroncelli in S. Croce) e si diffondono ancor più nel 15° sec. in dipinti, miniature e tarsie: i libri raffigurati nelle lunette delle ali dell’Annunciazione d’Aix ( Bruxelles, Musées des Beaux-Arts; Amsterdam, Rijksmuseum ), le tarsie dello studiolo di Federico da Montefeltro a Urbino (1476), fiori, frutta, gioielli su davanzali, miniati nel Libro d’ore di Maria di Borgogna ( Vienna, Österreichische Nationalbibliothek ), il vaso con gigli e iris dipinto da Hans Memling sul verso di una tavola con la Madonna (1490 ca.; Madrid, Fondazione Thyssen-Bornemisza). La tavola (forse sportello di un armadio) con Pernice, manopole d’armatura e bolzone (Monaco, Alte Pinakothek) di Jacopo de’ Barbari, firmata e datata 1504, è spesso considerata il primo esempio di n. come genere pittorico autonomo. 


È nel 16° sec., appunto, che comincia il processo che porta all’autonomia di questo, come degli altri generi pittorici, cui hanno contribuito diversi fattori, dalla diminuita richiesta di quadri religiosi nei paesi nordici dopo la Riforma alla formazione di una nuova committenza borghese e alla presenza, nelle botteghe, di artisti specializzati nel dipingere oggetti, paesaggi ecc. Il famoso Canestro di frutta del giovane Caravaggio sarà un'opera unica nel panorama artistico italiano, e precorrendo i tempi il punto piu' alto di quella che rimarrà, nel Seicento, soprattutto un'esperienza tipica del "realismo" nordico, olandese e tedesco.  

Giorgio Vasari parla di pitture di «cose naturali, di animali, di drappi, di strumenti», K. van Mander di ‘pittura di fiori e frutta’; soggetti analoghi sono descritti anche come ‘colazione’, ‘tavola imbandita’ ecc. Solo alla metà del 17° sec. compare nei Paesi Bassi l’espressione stilleven («vita silenziosa/quieta»), Joachim von Sandrart usa per questi soggetti l’espressione still-stehende Sachen e poi Stilleben, che rimarrà a designare il genere nella terminologia tedesca, così come still life in quella dei paesi anglosassoni. In Francia l’olandese D. Bailly (1584-1657) è chiamato pittore di vie coye («vita quieta») e nel secolo successivo Denis Diderot definisce questi soggetti nature inanimée; solo nel 19° sec. s’impone l’espressione nature morte di cui l’espressione italiana è un calco, mentre nell’ambito spagnolo i primi termini descrittivi (florero, frutero) sono sostituiti con quello di bodegón, che inizialmente designava una forma ibrida tra scena di genere e n., mostre di frutta, verdura, pesci ecc., in cucine e botteghe o sui banchi dei mercati.



La natura morta sembra enuclearsi proprio da queste scene di genere, che presentano anche la figura umana, così come le dipingono nei Paesi Bassi Pieter Aertsen e J. Beuckelaer e in Italia V. Campi e B. Passarotti

A seconda degli oggetti rappresentati, le n. racchiudono significati simbolici o allegorici (le stagioni, i sensi) e spesso, quando la presenza del teschio, del fiore appassito, del frutto marcito rimanda esplicitamente alla fugacità del mondo, assumono il nome di vanitas. La precisione documentaria nella rappresentazione di fiori e animali rispecchia anche l’interesse scientifico emergente in questi anni. In Olanda si distinguono in questo genereA . Bosschaert, P. Claesz, W. Kalf - non va dimenticato il contributo eccezionale di Rembrandt - nelle Fiandre, J. Bruegel dei Velluti, D. Seghers e F. Snyders. In Italia, i nomi di Caravaggio, E. Baschenis, P. Porpora, G. Ruoppolo riportano ad ambienti dove particolarmente viva fu la tradizione di questo genere. In Spagna, oltre a quelle di J. Sánchez Cotán e J. van der Hamen, sono da ricordare le splendide n. di F. Zurbarán; quelle di L. Baugin, J. Linard, L. Moillon in Francia dove, nel 18° sec., raggiungono un livello altissimo con J.-B.-S. Chardin. In quanto diretta osservazione e comunicazione con il vero, espressione poetica intima e raccolta, occasione di dirette ed esclusive ricerche formali.

La natura morta assumera' una parte importante nella pittura del 19° sec. con H. de Fantin-Latour, Courbet, P. Cézanne, V. van Gogh; e, nel 20° sec., nell’ambito cubista, nel purismo.

L'esito postimpressionista delle nature morte "moderne" di Paul Cézanne, come Natura morta con bottiglia di liquore alla menta o Tenda, caraffa e piatti con frutta ha un significato formale, plastico, ma anche di indagine fisica del reale. Un effetto ancora più espressivo ed "emozionale" avranno la Natura morta con tre cagnolini di Paul Gauguin e la famosissima Natura morta con girasoli di Vincent van Gogh. Da una natura morta di Pablo PicassoNatura morta con sedia di paglia deriverà una vera e propria rivoluzione formale e concettuale di questo genere artistico, che assumerà gradatamente una fisicità sempre più astratta e un valore di esaltazione della struttura compositiva degli oggetti, così Georges Braque con Natura morta con carte da gioco e Marcel Duchamp con Macinatrice di cioccolato, n. 2. L'epicentro della storia della natura morta del XX secolo è Giorgio Morandi - che ne fara'  il tema quasi esclusivo della sua ricerca - l'ultimo dei pittori di genere, partecipe dell'antico come del moderno con le sue numerose e liriche rappresentazioni di "bottiglie", come Natura morta del 1951, oppure la "metafisica" Natura morta del 1918.  

Oggetti d’uso quotidiano sono protagonisti ancora sia delle poetiche dada e surrealista sia delle ricerche artistiche della seconda metà del secolo (pop art, nouveau réalisme ecc.) ma, rappresentati o riprodotti tridimensionalmente, spesso in scala gigantesca, o realmente introdotti nelle composizioni, travalicano i confini della n. come genere artistico.

Nell'ambito della Pop Art americana degli anni Sessanta la rappresentazione di oggetti inanimati diventa una vera e propria esaltazione del prodotto commerciale, industriale e consumistico, come la famosa Big Campbell's Soup Can, 19 cent di Andy Warhol o il gomitolo stilizzato Ball of Twine di Roy Lichtenstein, altro protagonista dell'arte Pop.

Sfridi di alluminio a Terni - Polaroid 669 on chromegenic print, 24x30cm



Omaggio a Louise Nevelson - Polaroid transfer unicum print, 4x5"



Omaggio a Louise Nevelson - Polaroid transfer unicum print, 4x5"



 


Thanks for visiting one of my galleries. «Nature morte», this new section of my website is the latest and at this moment is still under construction. Some materials will be uploaded soon,  the full gallery will be completely available for the end of 2018.

 

Using Format